• 22 MAR 19
    • 0
    Le regole per scegliere un Amministratore di Condominio

    Le regole per scegliere un Amministratore di Condominio

    Le regole per scegliere un Amministratore di Condominio

    Articolo 1129 C.C.: “L’amministratore all’atto dell’accettazione della nomina e del suo rinnovo, deve specificare analiticamente, a pena di nullità della nomina stessa, l’importo dovuto a titolo di compenso per l’attività svolta”.

    Il compenso dell’amministratore, nonostante l’articolo pocanzi citato, è una voce in bilancio poco trasparente e poco giustificata.

    Come sappiamo il compenso viene calcolato in base al:

    • Numero delle unità immobiliari
    • Pertinenze
    • Tipo di riscaldamento
    • Posizione del condominio
    • Lavori straordinari

    Se da un lato comprendere quale sia il valore onesto per la gestione del vostro condominio a parità di compenso, chi scegliere?

    Quali sono le regole per scegliere un amministratore di condominio

    • Deve essere in possesso di un diploma di scuola superiore, ;
    • Aver frequentato un corso di formazione per esercitare la professione;
    • Deve possedere gli attestati annuali di frequenza di corsi di formazione periodica per l’aggiornamento professionale;
    • A quale associazione professionale è iscritto;
    • Possedere una polizza assicurativa per responsabilità civile.

    Questa è la base da cui partire, ma scaviamo ancora più a fondo, vogliamo avere la certezza di chi stiamo scegliendo.

    Poco pagare è sinonimo di scarsa professionalità

    Approvare un preventivo inferiore, può essere allettante, un modo per risparmiare almeno all’apparenza, infatti si corre il rischio poi di imbattersi a fine anno in voci in bilancio utilizzate a tutti gli effetti come un aumento del compenso.

    La soluzione? Conoscere l’Amministratore personalmente

    Non dimenticate che state assumendo una persona che gestirà i vostri soldi. Non fermatevi ad un curriculum o a una proposta fatta bene, è il caso di valutare i candidati personalmente. Per questo scopo occorre costituire una commissione costituiti da una cerchia condòmini o consiglieri.

    E’ importante prima ancora di valutare l’Amministratore, valutare la persona.

    Solo successivamente, superato lo scoglio della fiducia, valutare con  attenzione i requisiti professionali citati.

    I feedback prima di tutto

    Il modo migliore per valutare un amministratore non è il compenso, il curriculum, la lista di attestati ma i feedback relativamente al suo operato. Presentare un Amministratore con un feedback da parte di un conoscente o perché gestisce un condominio limitrofo è la cartina tornasole della suo modus operandi.

    Se non si conosce l’amministratore, cosa fare?

    E’ bene fare una ricerca in internet. Non è detto che sia presente online, questo può essere giudicato positivamente o negativamente, ma l’assenza di una professionalità come l’amministratore di condominio verso un mezzo di comunicazione così importante è un elemento secondo noi a sfavore.

    Inoltre, in una ricerca online, è possibile imbattersi in feedback che possono far luce sul suo operato.

    C’è da dire che non è facile trovare feedback positivi, mentre è facile trovarne feedback negativi. Questo perché gli internauti preferiscono spendere il loro tempo per riversare tutto il malessere che hanno verso un amministratore che ritengono incompetente con il solo fine della vendetta allertando il pubblico di internet con la loro personale esperienza negativa.

    Il sito web

    Nel 2019 non è concepibile che un amministratore di condominio non utilizzi lo strumento online, è una vetrina troppo importante per i suoi condomini e per chi desidera avere informazioni su di lui.

    Riversare la sua professionalità in un veicolo immediato e facilmente consultabile rende la sua gestione al passo con i tempi.

    L’amministratore vecchio stampo ci piace, ma il fax non può competere con le email.

    La trasparenza è fondamentale, la documentazione online gratuita come obbligo di gestione

    Quando un amministratore propone un preventivo ad una condominio, in esso deve essere incluso la gestione online della documentazione consultabile dal condominio senza oneri aggiuntivi.

    Una proposta senza tale gestione o a pagamento, è sinonimo di scarsa trasparenza o trasparenza a pagamento.

    Per un amministratore di condominio essere online con la documentazione è un vantaggio non un onere.

    Leave a reply →

Leave a reply

Cancel reply

Photostream