• 16 APR 19
    • 0
    Infiltrazioni in condominio come riconoscerle

    Infiltrazioni in condominio come riconoscerle

    Infiltrazioni in condominio come riconoscerle

     

     

    Quando sussiste la responsabilità del Condominio e quando l’esclusione?

    Partiamo da una semplice distinzione:

    • L’acqua da condotta è quella che scorre nelle tubazioni e negli impianti.

    • L’acqua piovana è quella che viene raccolta nel canale di gronda.

    Accertata l’infiltrazione, la prima cosa da fare è quella di rivolgersi ad un tecnico per stabilire quale sia la causa delle macchie e nel caso chiedere il risarcimento del danno al condominio.

    Andiamo a vedere i diversi casi:

    • Se persiste una infiltrazione di acqua proveniente dalle pareti dell’edificio, il Condominio è il responsabile.

    • Se eventualmente l’infiltrazione proviene dal lastrico solare sarà responsabile il condominio nella sua interezza o in parte qualora ci sia un uso esclusivo.

    • Se la perdita deriva da rottura di tubazioni occorre distinguere se quest’ultime sono private o condominiali. Se avete dei dubbi in merito, occorre capire se il tubo incriminato viaggia verticalmente al condominio, in questo caso è di proprietà condominiale, mentre quelli orizzontali ossia quelli che entrano nei singoli appartamenti, sono quindi privati.

    • Se esistono difetti imputabili al costruttore anche il condominio può essere responsabile dei danni cagionati dalle parti comuni ai singoli condomini per il principio della cosa in custodia, salva l’azione di rivalsa del danneggiato nei confronti dello costruttore.

    Una buona assicurazione condominiale

    E’ una buona regola dotare il condominio di una polizza globale fabbricati, che preveda:

    • La demolizione e la riparazione della parte di fabbricato (muri o pavimenti) per cercare l’origine del guasto.

    • La riparazione di tutti i danni causati direttamente dall’acqua fuoriuscita;

    • La rottura di tubazioni e quindi la fuoriuscita di acqua;

    • Guasto o rottura accidentale di pluviali e grondaie, di impianti idrici e di condizionamento e riscaldamento;

    • Gelo di impianti;

    • Occlusione di impianti;

    • Rigurgito e trabocco della rete fognaria.

    L’Assicurazione non risarcisce i danni

    • Umidità;

    • Usura;

    • Stillicidio;

    • Occlusione degli impianti di raccolta dell’acqua piovana (esterni);

    • Gelo condutture esterne (anche se interrate)

    FONTE:

    laleggepertutti.it

    blastingnews.it

    diritto.it

    Leave a reply →

Leave a reply

Cancel reply

Photostream